News & Eventi

Design Le Genie des deux Siciles

L’art rénove les peuples et en révèle la vie…
Epigraphe gravée sur le fronton du Théâtre Maxime de Palerme

Le “Génie de deux Siciles” représente un collectif de 46 designers du Sud de l’Italie qui conçoivent et produisent localement leurs créations.
Les designers du Génie (…) proposent une nouvelle qualité de vie selon une pratique quotidienne renouvelée, postindustrielle, en utilisant pourtant, tout à la fois, les outils de l’industrie, de l’artisanat, des arts appliqués.

Le “Génie de deux Siciles” est né de la création d’une exposition imaginée par l’architecte Giuseppe Finocchio, dans le cadre du Palerme design Week 2012.
Le succès de l’exposition et de fréquentes rencontres ont favorisé la naissance d’un groupe de designers aussi hétérogène que spontané dont l’esprit est voué à la diffusion et à la communication de leurs créations selon un parcours commun.

Leur première action est de proposer leurs créations – la plupart en édition limitée – au travers d’une exposition collective itinérante. Une démonstration du “Génie” qui se trouve dans « les idées originelles, l’identité forte, dont les typologies et les formes sont liées à l’écosystème des relations de la dimension territorial de la culture ».
Le modèle qui tablait sur la disparition du sud, dans la logique industrielle résolutive, a montré sa faiblesse. La vitalité et la créativité du Sud offre une réponse alternative à la crise actuelle.
Aujourd’hui, le développement se doit d’être multiple, notre futur n’est pas univoque, devant nous s’offre à nous plusieurs solutions, fruits de projets variés issus des différentes cultures.

La philosophie du Génie (…) est ancrée dans le Genius loci, qui favorise la production créative en opposition à l’industrialisation massive.
Le collectif se fonde sur l’expérience et le patrimoine partagés pour une recherche constante de l’innovation. Une évolution constante qui s’approprie matériaux et techniques, de l’industrie, de la tradition, de l’artisanat et de l’histoire.

Avant Pékin, Moscou… c’est à Paris que le “Génie des deux Siciles” vient montrer ses talents :
46 designers et leurs créations, à découvrir :

Exposition “Design : le Génie des deux Siciles “
Du 14 septembre au 14 octobre 2012.
Mairie du 5e arrondissement 21, place du Panthéon 75005 Paris
Ouvert du lundi au vendredi de 10 à 18 heures et le samedi de 10 à 13 heures.

 

Loop su ArchiPortale.com

ArchiPortale.comSpeciale Milano Design Week 2012

 

Campania Design Industry

Creatività industriosa verso un Distretto del Design Campano
Lunedì – Venerdi 17:00 – 23:00
Sabato e Domenica 10:00 – 24:00
Fiera della Casa / Pad.10 / Mostra d’Oltremare, Napoli

Campania Design Industry

CAMPANIA DESIGN INDUSTRY presenta la creatività di industriosi designer campani mettendo in mostra le loro INIZIATIVE DI PRODUZIONE VALORI e RISORSE di riferimento sono l’attività e le potenzialità di realtà territoriali come aziende di produzione e laboratori artigiani attenti alla ricerca progettuale DESIGN-ORIENTED.

CAMPANIA DESIGN INDUSTRY propone una realtà in progress, ma ne mette in evidenza soprattutto le potenzialità per gli sviluppi futuri sul territorio, proponendo uno dei percorsi possibili verso la definizione di un vero DISTRETTO DEL DESIGN CAMPANO.

Saremo lieti di incontrarvi!

 

Diego Granese su Odeon TV

OdeonTVDiego Granese in onda su Odeon TV il giorno sabato 21 alle ore 20.00 all’interno della trasmissione Italia ok

 

Diego Granese al Museo del Design di Norimberga. “Onda” e “Vesuvio” protagoniste

“Due designer, quattro sedute.

L’incontro tra quattro opere dei designer Marc Newson e Diego Granese mostra le varie opportunità per il trattamento dei materiali nel design contemporaneo.

L’aderente neoprene nero modella la seduta in un futuristico “Embryo”; un tubo di plastica aperto a entrambe le estremità diventa la seduta Orgone.

Una ingegnosa striscia di metallo, diventa la “Onda”, una, laccata nera, un “Vesuvio”.

L’australiano Marc Newson ha studiato design di gioielli e sculture al Sydney College of the Arts. Vive e lavora tra Londra e Sydney.

Diego Granese è un affermato architetto. I titoli della “Onda” e di “Vesuvio” sono ispirati al territorio in cui vive e lavora: Salerno e la Campania.”

In collaborazione con il Neues Museum di Norimberga

http://die-neue-sammlung.de/schedule/display/twoplustwo-four-recliners/?L=1

 

homeandspadesign

homeandspadesignConferenza stampa, meeting e presentazione.
nhow hotel
Via Tortona, 35
20144, Milano

 

hotelandspadesign

hotelandspadesignA Napoli dal 14 al 18 novembre Hotel and Spa Design è protagonista della 45ª edizione di ExpoSudHotel.

 

“Best Design Exhibit” al CERSAIE 2009

Diego Granese con il progetto dello stand dell’Azienda Italiana Antiche Fornaci D’Agostino ha vinto il premio quale “Best Design Exhibit” al CERSAIE 2009.

Best Design Exhibit CERSAIE 2009

 

Diego Granese ospite a “L’Italia che va” su Radio 1

L'Italia che va - Radio1Radio 1, L’Italia cha va: “Tutto quello che il cittadino dovrebbe e potrebbe…ma non sempre conosce”. Fatti, notizie, incontri, curiosità con i protagonisti dell’Italia che funziona.
Un programma ideato e condotto da Daniel Della Seta e Stefania Giacomini.
A cura di Claudio Mantovani. Ospite della puntata del 10 ottobre 2008, Diego Granese.
Clicca qui per ascoltare

 

SaloneUfficio.2008 Ufficio Fabbrica Creativa

SaloneUfficio.2008Milano 16/21 aprile 2008

Alla sua 14ª edizione, la biennale internazionale del mobile per ufficio (ex Eimu) rinnova il proprio nome in SaloneUfficio proponendo sempre il meglio della produzione del settore oltre che il macrotema trasversale “Ufficio Fabbrica Creativa” interpretato dalle proposte delle aziende partecipanti all’omonimo concorso. In concomitanza con il Salone Internazionale del Mobile e le manifestazioni a esso collegate, dal 16 al 21 aprile nel quartiere fieristico di Rho.

Quello che fino alla scorsa edizione si chiamava Eimu scendera’ in campo – dal 16 al 21 aprile presso Fiera Milano a Rho – con il nuovo nome di SaloneUfficio, Biennale Internazionale dell’Ambiente del Lavoro. Un nuovo nome voluto per un’immediata comprensione dei contenuti dell’evento e una conseguente maggiore visibilita’ oltre che per un’uniformita’ con le altre manifestazioni che fanno capo ai Saloni, tutte in piena sinergia tra loro – dal Salone Internazionale del Mobile a Eurocucina, dal Salone Internazionale del Bagno al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo e al SaloneSatellite.
Un nome nuovo, dunque, ma con la medesima offerta di qualita’ delle sue 160 aziende partecipanti (a oggi) che andranno a occupare i padiglioni 16 e 20 per un totale di circa 20.000 metri quadrati. Confermate tutte le partecipazioni della scorsa edizione completata da interessanti novita’ sul fronte italiano ed estero, che denota un forte impegno a comprova della validita’ della scorsa edizione.

Vetrina incontestata della produzione d’eccellenza dei mobili e accessori per l’ambiente ufficio, banche, istituti assicurativi, uffici postali e comunita’ oltre a soluzioni per l’home office e ambientazioni di lavoro, questa manifestazione – biennale negli anni pari – anche per questa edizione propone accanto all’offerta commerciale il format del macrotema trasversale, che offrira’ una serie di prodotti nuovi e soluzioni tecnologiche. Novita’ e innovazione sono da sempre infatti un preciso valore aggiunto di tutte le nostre manifestazioni di aprile. “Ufficio Fabbrica Creativa”, questo il titolo del macrotema, intende riportare l’attenzione sugli uffici moderni considerati le fabbriche di oggi, luoghi di produzione di creativita’. Un ufficio, come una fabbrica, ha bisogno di essere pensato e progettato per attivita’ specifiche, per un determinato processo produttivo, per una certa tipologia di persone, per una certa filosofia aziendale perché in un ufficio, come in una fabbrica, organizzare lo spazio in funzione dell’attivita’ produttiva ha un impatto diretto sulla produttivita’ del lavoro e quindi della stessa azienda.
Del resto la centralita’ degli spazi di lavoro nell’economia moderna e nei criteri di valutazione che le persone utilizzano per prendere o lasciare un posto di lavoro trova conferme sempre piu’ frequenti. In una recente pubblicazione del Commission for Architecture and the Built Environment (CABE, 2005), ente governativo inglese, si sottolinea il risultato di alcune ricerche sulla soddisfazione dei lavoratori: lo spazio di lavoro e’ responsabile, secondo questi dati, per il 25% della soddisfazione e per il 5% della performance del lavoratore e per circa l’11% della performance del gruppo di lavoro. In una analisi pubblicata da Economy di Talent-Manager (societa’ di recruiting online) e di Gidp-Hrda (l’associazione dei direttori delle risorse umane di grandi aziende) emerge che il primo strumento con il quale l’azienda favorisce i suoi dipendenti e’ la cura degli ambienti di lavoro (insieme alla maggiore collaborazione dei team).
Anche la ricerca economica e di management ha individuato almeno quattro variabili principali su cui il modo di progettare lo spazio di lavoro ha un impatto: la produttivita’ del singolo (1), la produttivita’ del gruppo (2), la comunicazione verso il mercato (3) e la comunicazione verso i dipendenti (4). Su tutti questi aspetti lo spazio di lavoro ha un impatto spesso non conosciuto, perché difficile da quantificare, ma molto significativo. Se l’ufficio e’ la fabbrica creativa, se cioe’ l’ufficio e’ il luogo nel quale si produce la maggior quota di valore nell’economia moderna, l’azienda che realizza nuovi spazi di lavoro deve pensare piu’ a un investimento che a un costo.

Le aziende espositrici di SaloneUfficio avranno la possibilita’ di aderire a un concorso che declinera’ il macrotema offrendo una serie di prodotti e soluzioni tecnologiche inediti prodotti aderenti a una delle tre seguenti categorie progettuali: gli ambienti di lavoro, i prodotti e gli arredi per il lavoro, le installazioni sull’ambiente di lavoro.
Le proposte verranno giudicate da una giuria composta da un sociologo/economista, un artista, un giornalista e un manager valutera’ le proposte il primo giorno di manifestazione ed esprimera’ il suo parere nella giornata successiva, in modo tale che ai tre vincitori- uno per ciascuna categoria – possa essere dedicata la pagina pubblicitaria in premio sui principali quotidiani italiani.

Un evento collaterale, che si svolgera’ nella milanese Loggia dei Mercanti e sara’ firmato da Michelangelo Pistoletto & Cittadellarte, interpretera’ invece il tema dell’ufficio quale fabbrica creativa in maniera inedita.

A corollario, due i convegni che avranno come tema quello dell’ufficio quale luogo in cui si produce la maggior quota di valore dell’economia moderna. Il primo, organizzato da Designing Designers, avra’ come titolo “Uffici e spazi di lavoro per i lavoratori della conoscenza” e si terra’ sabato 19 aprile dalle ore 10.00 alle 17,30, Sala Sagittarius, Centro Congressi, Fiera Milano, Rho. Inoltre, un accordo di collaborazione con il principale organo di categoria, l’IFMA/International Facility Management Association coinvolgera’ operatori di alto profilo e di stampo internazionale interessati al Facility e alle innovazioni del settore per la gestione dello spazio ufficio. Il relativo convegno si terra’ giovedi’ 17 aprile in Sala Aquarius, Centro Congressi, Fiera Milano, Rho.

Dedicati all’ufficio anche spazi radiofonici di approfondimento in collaborazione con Radio 24.

 

Salone Internazionale del Mobile 2007

Milano 18/23 aprile 2007

Salone del Mobile 2007

 

Fiera Internazionale del Mobile 2007

Valencia 18/23 settembre 2007

FIM2007

 

Sottospirito Evento Fuori Salone

sottospiritoMilano 5/10 aprile 2006
c/o showroom andrea gabbianelli/superfici per abitare via giangiacomo mora n. 18
5 aprile ore 17

…Prese il pane e gli rese grazie lo diede ai suoi discepoli e disse
“prendete e mangiatene tutti, fate questo in memoria di me”

design: francescogiannattasio/diegogranese

Evento Fuorisalone/Salone del Mobile 2006

Patrocinato da AIAP
Associazione Italiana Progettazione per la Comunicazione Visiva

A cura di Gumdesign
Catalogo introdotto da Mario Piazza

DAL 5 AL 10 APRILE/06 H.17.00/20.00
> SOTTOSPIRITO
ANDREA GABBIANELLI/SUPERFICI PER ABITARE
VIA GIANGIACOMO MORA 18/MILANO
INAUGURAZIONE 5 APRILE ORE 17

DAL 6 AL 21 APRILE/06
> LE RELIQUIE DI SOTTOSPIRITO
AIAP/ASSOCIAZIONE ITALIANA PROGETTAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VISIVA
VIA PONCHIELLI 3/MILANO
INAUGURAZIONE 6 APRILE ORE 17

DAL 5 AL 15 APRILE/06
> LE ICONE DI SOTTOSPIRITO
LIBRERIA INTERNAZIONALE U.HOEPLI
VIA ULRICO HOEPLI 5/MILANO
SPAZIO ESPOSITIVO “SECONDOPIANO”

 

Onda al “Gala Noce Vieja”

Galà Noche VeijaNella trasmissione televisiva “Gala Noche Vieja” del Canale Nazionale Antenna 3 in Spagna, durante la lunga notte di Capodanno 2005/2006, la seduta Onda e’ stata parte integrante della scenografia di tutta la serata, ed ove i tre presentatori di fama Nazionale hanno utilizzato le stesse sedute relax per presentare gli ospiti e lo spettacolo durato ben 5 ore e seguito da milioni di telespettatori. Un successo di pubblico e critica.

 

Serie di giornate su disegno, mercati e nuove tecnologie

EncontremonosOrganizzato e finanziato da Junta de Andalucia, CEMER, Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Le nuove tecnologie facilitano il flusso di conoscenze nelle organizzazioni cosicche’ una tecnologia superiore, una maggiore necessita’ di talento per competere. Oltre ad apportare attrezzi e strumenti, apportano benefici immateriali che si convertono in un utile di grosso valore. Le organizzazioni hanno attivi tangibili, che risiedono nel valore contabile degli stessi; ma ci sono attivi intangibili, immateriali o intellettuali, quelli che stanno facendo funzionare in maniera ottimale le organizzazioni del terzo millennio.
Gli attivi intangibili che costituiscono il capitale intellettuale, sono “la nuova ricchezza delle organizzazioni”. Uno dei piu’ autorevoli specialisti di gestione d’impresa ha affermato che le grandi trasformazioni sociali sono iniziate quando l’informazione e la conoscenza iniziarono a trasformarsi nell’elemento centrale del funzionamento dell’economia. Il mezzo economico fondamentale (il mezzo di produzione) ormai non e’ piu’ ne’ il capitale ne’ i mezzi naturali, ne’ la manodopera: “e’ e sara’ il sapere o il conoscere”.
Il riferimento storico capitale-lavoro e’ stato sostituito da quello informazione-conoscenza.
La conoscenza oggigiorno si compra e si vende in cifre mai viste. Gli utili di capitale di cui si necessita per creare ricchezza non sono la terra ne’ il lavoro fisico, ne’ le macchine, le attrezzature o le fabbriche, sono e saranno gli utili della conoscenza. La societa’ della conoscenza convive senza problemi con la societa’ dell’informazione. La conoscenza, il sapere, e’ l’informazione accumulata per le persone. Gli incrementi di produttivita’ delle imprese si baseranno sul miglioramento del sapere, sulle innovazioni permanenti della conoscenza applicata alle imprese utilizzando tecnologie di volta in volta piu’ potenti.
Il modello d’impresa del futuro passa per l’organizzazione aperta su quelle in cui il volume sara’ relegato in secondo piano e in cui ricoprira’ grande importanza l’intangibile.
Gli schemi di competitivita’ che sono stati validi nel corso degli anni hanno permesso di trovare un senso nella nuova economia della conoscenza del ventunesimo secolo.

Clicca qui per il depliant

 

31a edizione Premio Delta ADI-FAD Barcellona

Delta 2005Il premio Delta viene istituito dall’Associazione di Disegno Industriale ADI-FAD la quale invita professionisti ed imprese a presentare i loro prodotti di design Industriale (prodotti di designer spagnoli e distribuiti per imprese spagnoli e/o stranieri.prodotti di designer stranieri prodotti in esclusiva per un’impresa spagnola) , col fine di ricompensare i migliori prodotti, in particolare quelli che emergano per la loro innovazione, investigazione concettuale e rispetto ambientale.

SELEZIONE ADI-FAD categoria ARREDI
Seduta relax ONDA – designer Diego Granese – impresa Tapizados Frajumar
Chaise longue Vesuvio – designer Diego Granese – Impresa Tapizados Frajumar

 

Premio Compasso D’Oro

Premio Compasso D'OroIl premio Compasso d’Oro ADI e’ il primo e il piu’ autorevole premio europeo del settore, istituito nel 1954.
Nato da un’idea do Gio Ponti e per volonta’ dei grandi magazzini la Rinascente, ha lo scopo di mettere in valore la qualita’ del design italiano.
Dal 1964 viene gestito esclusivamente dall’ADI.
Gli oggetti premiati e segnalati in oltre quarant’anni di vita del premio sono raccolti nella Collezione storica del Premio Compasso d’Oro ADI
Segnalazione d’Onore Prodotto Seduta relax ONDA – designer Diego Granese – Impresa Tapizados Frajumar

 

Vernice Art Fair

Vernice Art FairUna mostra mercato d’arte pensata per avvicinare i giovani talenti al mondo delle gallerie e dei collezionisti.
Le passate edizioni hanno portato fortuna a molti giovani artisti, ed e’ un piacere poterne riaccogliere le opere ed ammirarne il percorso intrapreso.
Per gli artisti che gia’ si son fatti strada, Vernice art-fair e’ un’occasione per consolidare ancor piu’ il proprio successo, incontrare colleghi, proporre nuovi linguaggi e nuove espressioni, riaffermare quello stile che li ha resi unici ed inconfondibili maestri d’arte.
Da questa edizione Vernice art-fair dedica una sezione anche al design, con l’ambizioso obiettivo di portare in fiera il meglio delle nuove tendenze in un set-tore che a pieno titolo appartiene all’arte contemporanea.

 

Abitare con il rame

Abitare con il rameAbitare con il rame e’ un progetto teso a sviluppare idee e soluzioni innovative per utilizzare il rame nel design d’interni.
La rassegna, promossa dall’Istituto Italiano del Rame e curata da Riccardo Giovanetti, ha offerto ad un nutrito gruppo di giovani designers questa sfida. L’intento e’ di riuscire a creare una collezione inedita di prodotti e oggetti che possano coniugare, con originalita’ ed innovazione, le caratteristiche e le potenzialita’ del rame con le esigenze dello spazio domestico moderno.
Presentandosi come materiale antico e moderno, caldo e malleabile, il rame viene esplorato, grazie all’apporto creativo di giovani designers di provenienza internazionale, pensando al mondo della casa, all’arredo e a tutti quegli oggetti nei quali le qualita’ estetiche si fondono con le prestazioni. Tema centrale dell’esposizione sara’ pertanto presentare il Rame come materiale a 360° in grado di coniugare storia, qualita’ e performance.
Abitare con il rame vuole essere un challenge stimolante e costruttivo. Per questo motivo e’ stato avviato con l’ISAD (ISTITUTO SUPERIORE DI ARCHITETTURA E DESIGN) un concorso d’ idee teso a selezionare, tra gli studenti del corso di architettura d’interni, le migliori proposte d’arredo nelle quali impiegare le leghe di rame in modo innovativo e originale.